Valentine’s Day💕

Ma che cos’è l’Amore?

Fiori di filosofi, poeti, scrittori e pensatori hanno cercato di spiegarlo, definirlo, descriverlo.. Eppure ogni volta che viviamo questo sentimento è un mistero, siamo come governati da questa forza potente che “sveglia” e illumina la nostra Anima, che ci riempie da dentro, e che ci dà finalmente quel senso di appartenenza che andiamo cercando per tutta la vita.

Chissà se oggi è la giornata ideale per parlare di Amore. Forse sì, visto che è la giornata degli innamorati, anche se amare ed essere innamorati non sono la stessa cosa.. seppure molte volte ci si confonda.
Come spesso mi accade, di notte mi vengono intuizioni improvvise e idee: nel momento in cui sono più rilassata e ho il cervello in standby mi arrivano le illuminazioni migliori (del resto sono una strega, e noi streghe siamo anime notturne) e ieri sera, giusto prima di andare a dormire, mi è venuta spontaneamente questa riflessione.

L’Amore non è scrivere messaggi carini o sdolcinati su un social. Non è regalare fiori e cioccolatini o passare il tempo a fare moine. Non è essere romantici al punto da diventare stomachevoli e mielosi. E non è usare frasi importanti in modo superficiale e sconsiderato.
L’Amore è esserci.
E’ desiderare e assicurarsi che l’altro stia bene, telefonargli solo per sentire la sua voce, preoccuparsi della sua felicità come della propria.. L’Amore è un reciproco venirsi incontro, cercarsi, capirsi, ascoltarsi, volersi. E facendo questo riscoprire se stessi. Fondersi insieme e ritrovare così la propria individualità, la propria essenza. Guardare l’altro e il mondo con nuovi occhi e, attraverso questo filtro, arrivare a riconnettersi alla propria anima.
E’ vero che l’Amore non è per tutti.
L’Amore è solo per chi è disposto a mettersi in gioco completamente. E’ per chi sa concedersi di ricevere e, aprendo il suo cuore, impara a dare; è per chi non teme i sentimenti suoi e dell’altro e, riconoscendoli, si permette di esprimerli sinceramente, lasciandosi coinvolgere e amare. L’Amore è un saper essere fedeli prima di tutto a sé stessi, alla propria verità e avere rispetto di questa, in modo da aprirsi all’altro senza maschere o comode bugie. E’ sapersi allontanare e avere cura dei propri spazi per poi ritrovarsi ed essere pronti a condividerli e capire di non essersi mai persi. Non è attaccamento o dipendenza, è un essere liberi insieme, è l’unione di due esseri integri che creano una loro felicità condivisa.
L’Amore è per chi non lo teme, per chi veramente lo vuole ed è aperto e pronto a viverlo.

Come ho detto, questo pensiero mi è nato all’improvviso, come un’intuizione. Ho sentito il bisogno di scriverlo e adesso che lo riporto qui mi sembra una verità tanto semplice quanto profonda.
Sinceramente, penso che siamo tutti vittime di un’idea fasulla di amore che ci hanno spesso propinato alla tv o nei film. L’idea dei rapporti “rose e fiori” o del “e vissero tutti felici e contenti” non ha nulla a che vedere con l’Amore di cui invece sto parlando, e che non è fatto di stereotipi, ma di consapevolezza animica.
Se dovessi descrivere meglio cosa penso dell’Amore, credo che sarebbero utili i Tarocchi, che con le loro simbologie sanno esprimere molto bene le varie tappe del nostro percorso e i sentimenti a esse connessi.
Nello specifico, mi sento di prendere in riferimento quattro carte: il Re e la Regina di Coppe, e il Re e la Regina di Bastoni.
I primi due (Coppe) rappresentano la totale maturità emotiva. La Regina di Coppe è una donna sensibile, empatica, leale. E’ innamorata, fedele e sincera, colei che sa ricambiare il partner con trasporto e passionalità.
Il Re rappresenta un uomo onesto, consapevole della propria emotività, affidabile e a sua volta passionale. Affettuoso e disponibile, è capace di grandi progetti.
Tengo conto anche dei Reali di Bastoni poiché questo seme è strettamente legato alla nostra parte più istintuale. La Regina è una donna dolce, intelligente, premurosa e disposta a prodigarsi per l’altro. E’ positiva verso la vita e sa creare rapporti sinceri. Il Re è un uomo maturo, sicuro di sé, fedele e generoso, caratterizzato dallo spirito di intraprendenza e dalla capacità di prendere iniziativa. E’ saggio, prudente, legato ai valori famigliari.
Inutile dirlo, queste carte sono connesse anche ad altri significati, ma io credo che le caratteristiche dell’Amore siano perfettamente incarnate da questi quattro personaggi. Maturi abbastanza da sapersi vivere, aperti alla reciproca comprensione, affettuosi e passionali, ma anche concreti e costruttivi. Per quello che ho imparato, queste sono le basi essenziali per un rapporto d’amore sano e duraturo.

Poi, probabilmente, non c’è una vera e propria formula di com’è o dovrebbe essere. Ognuno di noi vive questo sentimento in linea col suo sentire, con la sua sensibilità, e anche con le sue aspettative. Molto di quello che viviamo e che ricordiamo ha un peso su come ci rapportiamo nei confronti di questa energia tanto forte da essere al contempo temuta e desiderata. C’è chi non vede l’ora di farne esperienza, chi la allontana da sé con ogni stratagemma possibile.
Di una cosa però sono certa. L’Amore non è qualcosa che muta o muore col tempo. Come ho detto, amare ed essere innamorati non sono la stessa cosa, e l’Amore non è soggetto ai capricci dell’ego, non termina una volta passata l’infatuazione. Può evolversi e in questo modo trasformarci e migliorarci, perché è qualcosa di profondo e spirituale che ha il potere di elevare la nostra anima a un grado superiore di consapevolezza e farci vivere in modo completamente diverso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...