Spiritualità nella vita di tutti i giorni

A volte l’Universo ci mette alla prova. Viviamo sfide, prove e ostacoli con il solo scopo di “svegliarci” ed evolvere spiritualmente, rendendoci conto che ciò che viviamo risponde solo e soltanto al nostro massimo bene, anche se a volte facciamo fatica a vederla così.

In queste ultime settimane ho scritto poco, perché ho dovuto lavorare intensamente su me stessa e cercare di dare un senso e un valore a quello che sto attraversando.
Ho capito da diverso tempo che le persone che più ci mettono alla prova, sono in realtà quelle con le quali abbiamo patti animici importanti. La loro presenza serve a farci comprendere determinate cose, e risponde in qualche modo allo scopo evolutivo con cui ci siamo reincarnati.
Che piaccia o no, la verità è che tutto quello che viviamo ce lo siamo scelti. Ci siamo scelti la nostra famiglia, le nostre sfide, le difficoltà, e le anime che ci stanno intorno sono sia quelle che ci sostengono e ci supportano, sia quelle che ci ostacolano per farci imparare una lezione. Abbiamo scelto tutto, e la nostra anima lo sa.
Quello che non sa è che l’esperienza terrena può talvolta rivelarsi più dura e complicata rispetto a quello che pensava nel momento della scelta, e che il nostro corpo, ovvero la nostra macchina biologica, ha delle esigenze e delle reazioni che vanno gestite per far sì che non prendano il sopravvento e ostacolino il nostro percorso evolutivo.

Chiunque si interessi di spiritualità, sa che una delle principali sfide da affrontare è proprio il fatto che il nostro corpo, che di fatto è solo un mezzo col quale vivere l’esperienza di reincarnazione, rischia di diventare il fulcro delle nostre preoccupazioni e pensieri. Dobbiamo prendercene cura e rispettarlo, in quanto è il tempio della nostra anima, e ha le caratteristiche necessarie allo scopo di questa nostra esistenza (quindi, di fatto, ognuno è perfetto così com’è, perché veniamo al mondo con il fisico adatto allo scopo di questa vita), ma non dobbiamo cedere passivamente ai suoi impulsi e ai suoi bisogni, dimenticando di occuparci della nostra parte animica e spirituale.

Se potessimo andare oltre i nostri sensi fisici e vederci per quello che realmente siamo, scopriremmo che siamo fatti di energia. Siamo luce, scintille divine che provengono dalla stessa sorgente e che vi faranno ritorno. Siamo tutti interconnessi l’uno con l’altro e quando ci relazioniamo con “l’altro”, di fatto ci stiamo relazionando con noi stessi. Vedere l’altro come anima, specie quando ci manca di rispetto o si approfitta di noi, è forse una tra le principali sfide da affrontare. Eppure anche quel suo atteggiamento rientra nel nostro massimo bene.
Se avviene, significa che in qualche modo lo abbiamo manifestato noi, che non ne siamo colpevoli, ma responsabili, e che evidentemente il suo comportamento rispecchia dei lati di noi per similitudine o per contrapposizione.
Questo non significa che dobbiamo accettare passivamente le ingiustizie o concedere agli altri di avere atteggiamenti di prevaricazione e prepotenza nei nostri confronti, è ovvio che dobbiamo reagire. Ma lo sforzo è reagire non dal punto di vista egoico e mentale, bensì dal punto di vista spirituale, considerando che siamo tutte anime venute al mondo per evolverci attraverso un’esperienza terrena. Se vedo l’altro come una minaccia, e lo percepisco come altro da me, reagisco in un modo. Ma se considero l’altro come parte di me, o come il mio specchio e lo vedo come anima, capisco che il suo comportamento deriva probabilmente da un patto karmico, e il mio modo di reagire sarà diverso. Probabilmente non mi arrabbierò nemmeno, perché riconosco il quadro più grande in cui stiamo svolgendo il nostro percorso.

La mia sfida, in queste ultime settimane, è stata proprio questa. Cercare di trasportare nella pratica quello che sto imparando e che ho appreso a livello teorico.
Non nego che la mia reazione iniziale sia stata quella di reagire come ho sempre fatto, sentendomi ferita e tradita da un comportamento che ho trovato inaccettabile e ingiustificabile. Eppure, proprio per la natura del rapporto, mi sono resa conto che se sta avvenendo questo, alla base ci dev’essere un patto che nasconde una lezione da apprendere e capire.
Sto cercando di agire con consapevolezza, andando oltre i soliti schemi mentali fatti di ego e individualismo. Se all’inizio mi sono arrabbiata, adesso sono calma, se mi sono sentita offesa, adesso sto trascendendo quella reazione, e mi sto rendendo conto che anch’io gioco un ruolo fondamentale con le mie emozioni e i miei pensieri.
Non posso dire di essere arrivata, ma dopo settimane di riflessioni e insonnia sono giunta a capire che sta a me decidere che valore dare a certe cose e che peso concedergli. Non voglio assoggettare il mio comportamento e la mia serenità a un disagio altrui, perché non sarei più libera, ma schiava. Agirei sulla base di.. e il mio comportamento non sarebbe più spontaneo, ma vincolato a qualcosa che non posso controllare. Non ho più intenzione di reagire, ma voglio agire in maniera centrata e consapevole. Non posso intervenire sul comportamento altrui, ma posso intervenire sul mio, e stabilire fino a che punto farmi condizionare da certe cose.
Ho ripreso in mano la mia vita dopo un momento di sbandamento, e mi è servito, perché ho compreso di dover stare in guardia e di dover preservare la mia libertà.
Perciò ora posso dire: Grazie Universo per questa prova, grazie a questa anima per avermi dato modo di capire certe cose, grazie perché sono più consapevole di prima. Grazie, Grazie, Grazie.

2 pensieri su “Spiritualità nella vita di tutti i giorni

  1. Un ottimo spunto di riflessione e poi, come mi hanno sempre insegnato, i contrasti ci sono dove c’è un legame: se così non fosse, ci sarebbe indifferenza e non si arriverebbe certo a litigare, ma nemmeno a dialogare per esprimere il dissenso.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...