Tanabata, la notte dei desideri

Secondo la tradizione giapponese oggi cade la ricorrenza di Tanabata Matsuri, una festa molto particolare.
Tanabata significa letteralmente settima notte e cade appunto la settima notte del settimo mese dell’anno, anche se in alcune zone del Giappone viene festeggiato il 7 Agosto.

Questa festa trae origine da un’antica leggenda cinese, che racconta la storia di due innamorati: la principessa Orihime e il pastore Hikoboshi.
Orihime era figlia di Tentei, il sovrano del cielo, e trascorreva il suo tempo a tessere abiti presso il Fiume Celeste. Poiché era sempre impegnata e non aveva modo di incontrare di nessuno, suo padre decise di darla in sposa al giovane Hikoboshi, un mandriano che viveva dall’altra parte del fiume e che si occupava dei pascoli celesti.
I due si innamorarono a prima vista, e dopo le nozze si dedicarono l’uno all’altra, presi dalla felicità e dalla passione. La gioia e l’amore li distrassero però anche dai loro doveri, cosicché gli dei non avevano più abiti e i buoi vagavano disordinatamente per il cielo.
Il padre di lei, non potendo permettere questa situazione, decise quindi di punire i due sposi, dividendoli ai due lati del fiume.
La principessa cadde in una profonda disperazione, piangendo senza sosta, e Tentei, mosso a compassione, permise ai due giovani di rivedersi, ma solo una volta all’anno, e a condizione di portare a termine i loro compiti. Pertanto, il settimo giorno del settimo mese è il giorno in cui cade questo incontro.
I due giovani sono identificati con le stelle Vega e Altair, separate dalla via Lattea.

Continua a leggere “Tanabata, la notte dei desideri”