La Luna del Lupo

Il primo Esbat dell’anno è chiamato Luna del Lupo, ma è anche noto come Luna Casta, o Luna del grande inverno. Tale nome deriva dal fatto che durante questo periodo dell’anno, particolarmente freddo e nevoso, i lupi si avvicinavano ai villaggi in cerca di cibo e i loro ululati, che si facevano più aggressivi e frequenti per l’inizio della stagione riproduttiva, venivano percepiti anche a breve distanza.

I lupi sono da sempre associati all’energia lunare, e nelle culture di tutto il mondo, da quella nipponica a quella dei nativi americani, esistono leggende che li legano alla Luna.

La natura è immobile, il sole ha da poco ripreso la sua risalita e le giornate sono ancora molto brevi. Questo è il momento ideale per ripiegare l’energia su se stessi, per piantare i semi di nuovi progetti in vista del futuro risveglio. Ma prima di rinascere bisogna purificare e spazzare via i rimasugli del passato, in modo da poter accogliere le nuove possibilità e aprirsi a ricominciare un nuovo ciclo. Possiamo rinnovarci, ma per farlo, dobbiamo prima chiudere le porte con quanto non ci serve più.
La Luna del Lupo è quindi la Luna dei nuovi inizi, durante la quale l’energia agisce lentamente, in profondità, ma i cui risvolti appariranno chiari nei mesi a venire.

Acqua di Luna: per preparare l’acqua di Luna, prendete una bottiglia di vetro trasparente e lasciatela esposta ai raggi lunari per tutta la notte. Ritiratela al mattino presto, prima dell’alba. L’acqua di Luna può avere diverse proprietà: espandere la propria energia, favorire la calma e la guarigione, o anche ampliare il proprio intuito. Caricate l’acqua con il vostro intento: è sufficiente esprimere un’intenzione, oppure scriverla e lasciarla sul fondo della bottiglia.
Io consiglio di lavorare in sinergia con l’influsso di ogni mese, e per questo suggerisco di usarla per purificarci e allontanare ciò che non vogliamo più, così da creare lo spazio alle novità che ci attendono.
Buon esbat a tutti 🌛🌕🌜