L’oracolo delle Rune

Rieccoci con il consueto appuntamento della lettura runologica del mese, per scoprire quali sono le energie collettive che influenzeranno maggiormente gli eventi delle prossime settimane.

La prima runa, connessa alle energie del recente passato è Sowelu, rappresentativa del Sole, del potere e dell’integrità. La sua comparsa preannuncia il successo, ma comporta anche una scelta consapevole. La sua forma ricorda quella di un lampo, e proprio come un fulmine a ciel sereno indica un improvviso cambiamento che induce a fare chiarezza, in modo da riuscire a distinguere il bene dal male e spazzare via tutto ciò che non serve più. In un certo senso indica una sorta di scissione: da un lato chi ha approfittato della propria posizione per dominare gli altri e abusare del proprio potere, è destinato a una rovinosa caduta e al declino; dall’altro, chi ha saputo mantenere la lucidità e una chiara comprensione della realtà potrà beneficiare delle condizioni più favorevoli al raggiungimento dei propri obiettivi.

Continua a leggere “L’oracolo delle Rune”

Messaggi di Risveglio

Verrà un giorno in cui l’uomo si sveglierà dall’oblio
e finalmente comprenderà chi è veramente
e a chi ha ceduto le redini della sua esistenza,
a una mente fallace, menzognera,
che lo rende e lo tiene schiavo..
L’uomo non ha limiti
e quando un giorno se ne renderà conto,
sarà libero anche qui in questo mondo.

Giordano Bruno

Buona settimana 🌷

I Messaggi dell’Oracolo

Di seguito i responsi:

Variante 1: Terzo Occhio, Gira e rigira. Molto probabilmente state vivendo situazioni cicliche e stagnanti, che sembrano ripetersi costantemente nella vostra vita. Per quanti sforzi facciate, avete la sensazione di trovarvi sempre al punto di partenza, come se non riusciste effettivamente ad avanzare di un solo passo. La verità è che questa sensazione è illusoria, perché non siete più quelli di un tempo, ma avete appreso lezioni e insegnamenti che vi permettono di vedere le cose da una prospettiva più ampia. Che cosa è rimasto da integrare? Cos’è che dovete vedere, che non avete ancora colto? Se la stessa situazione sembra ripetersi come un’eco, evidentemente ha ancora qualcosa da insegnarvi.
Guardate le cose con gli occhi della mente e fatevi guidare dall’intuito. Le vostre capacità logiche e analitiche rischiano di giocare contro di voi e impedirvi di cogliere una saggezza più profonda, più ampia, senza limiti. Apritevi all’ascolto di ciò che emerge attraverso la vostra immaginazione, lasciate che sia l’emisfero destro del cervello a guidarvi, e non osservate le cose solo da una prospettiva razionale. Andate oltre il velo dell’illusione e permettetevi di scoprire i limiti e i paradossi della realtà.

Continua a leggere “I Messaggi dell’Oracolo”

I Messaggi dell’Oracolo

Dalla prossima settimana riprenderò il discorso sugli Arcani Maggiori e tornerò a parlare del viaggio verso il piano celeste.
Oggi però, in vista di Beltane e del novilunio di questo weekend, desidero proporvi una lettura oracolare con due diversi tipi di mazzi: Beyond Lemuria e L’Oracolo Risponde.
Concentratevi per un momento e focalizzatevi su una questione a cui tenete particolarmente. Percepite tutte le emozioni connesse a quella situazione, quindi, facendovi guidare dal cuore, senza riflettere troppo, ma seguendo l’istinto e l’intuito, scegliete la variante che più vi richiama: 1, 2 o 3.

Ci vediamo domani con i responsi 💫

Aspettando Beltane

Tra qualche giorno festeggeremo la festa del Fuoco e della Fertilità, Beltane, che rappresenta una nuova tappa nella ruota celtica dell’anno.
Questo sabba segna l’inizio della stagione estiva, ed è una festa di gioia e abbondanza: la terra è nel pieno del suo rigoglio, il verde lussureggiante della natura è vivo e brillante, e il mondo risplende di vita e di promesse.

E’ anche una festa dell’amore, perché si celebra l’unione sacra tra il Dio solare e la Dea. Nell’antica Irlanda, si soleva accendere un fuoco sulla collina di Uisneach, centro sacro e mitologico della terra celtica. In seguito il potere regio venne trasferito sulla collina di Tara, che dominava tutta la regione e dalla quale il Re Supremo accendeva il fuoco, in modo da dare il via alle celebrazioni di Beltane: ognuno dei Re delle 4 province (Connacht, Leinster, Ulster e Munster) accendeva i fuochi a sua volta e iniziavano le unioni sacre con una fanciulla o una sacerdotessa, che rappresentava la dea. Queste unioni erano dei rapporti sessuali che rappresentavano la fusione del Sacro Maschile col Sacro Femminile. Anche il popolo accendeva i fuochi e le coppie si appartavano per propiziare il loro amore e la fertilità. Non è un caso infatti che molti, in questo periodo, sentano il richiamo della propria controparte animica. Come la natura, anche i nostri sensi si stanno risvegliando e questa festa esalta la sessualità da vivere liberamente, senza vergogna, onorando completamente il proprio corpo.

Talvolta questo sabba viene confuso con Valpurga, un’antica festa di origine germanica, che iniziava la notte del 30 aprile e proseguiva fino all’alba del 1 maggio. Si danzava intorno ai falò e si cantava per celebrare la fertilità e la Grande Madre. Valpurga è anche conosciuta come la Notte delle Streghe, poiché si riteneva che streghe, demoni e spiriti uscissero dai loro nascondigli per fare dispetti e gettare fatture.

Continua a leggere “Aspettando Beltane”

Ambizioni

L’altro giorno, parlando con un’amica, abbiamo toccato un argomento interessante, quello delle ambizioni personali.
Ognuno di noi le ha, è normale desiderare e sperare in “qualcosa di meglio“, eppure, talvolta, sembra quasi una colpa e capita che si venga addirittura biasimati per questo.

Personalmente, non trovo ci sia nulla di male nel volere qualcosa in più. Se da un lato apprezzare ciò che si ha è fondamentale, dall’altro accontentarsi, mentre si sente l’esigenza di qualcos’altro, rischia di diventare nocivo e deleterio. Un giusto equilibrio sarebbe auspicabile, ma sempre tenendo conto delle proprie necessità ed esigenze personali. Fare finta che vada tutto bene, quando non è così, non giova a nessuno.

Avendo avuto modo di vivere all’estero per breve tempo, ho potuto confrontarmi con altre mentalità e prospettive e rendermi conto di quanto, purtroppo, la nostra visione del mondo sia ancora abbastanza chiusa e provinciale. E temo che anche questo derivi dall’impatto della chiesa nella nostra cultura.
Il senso di povertà, di sacrificio, di peccato e di umiltà ci viene inculcato fin da piccoli, facendoci credere che i soldi sono il male e che i ricchi sono tutti presuntuosi e arroganti. Se vuoi entrare nel regno dei Cieli devi essere povero, e da questo pensiero nascono una serie di comportamenti e condizionamenti che ci portano ad accontentarci e a limitarci. La nostra società è diventata lo specchio perfetto di queste idee, ed essendomi sottoposta a una serie infinita di candidature in passato, so bene di cosa parlo: se osi semplicemente ambire a qualcosa che appaghi quantomeno i tuoi sacrifici nello studio, allora non hai voglia di lavorare, sei “choosy”, e non capisci che devi adeguarti. Per quanto questa mentalità sia viziosa ed errata, purtroppo è fin troppo comune e diffusa.

Il problema è che non coinvolge semplicemente la sfera lavorativa, ma ogni cosa. Perché questo principio si applica in tutto, e ci porta costantemente a sentirci in difetto e a crearci inutili sensi di colpa se ci permettiamo di far presente le nostre esigenze e i nostri desideri.

Continua a leggere “Ambizioni”

Messaggi di Risveglio

E promettimi che non rinuncerai mai alla splendida tempesta di stelle che hai dentro
Per scambiarla con un tranquillo binario morto,
con una felicità di plastica preconfezionata in taglia unica.
Che non spegnerai mai la fiamma della tua intelligenza,
Il fuoco dei tuoi dubbi e delle tue domande
con palate di quieto vivere,
con una spessa coperta urticante
di ciò che dovrebbe essere giusto.

Che non smetterai di credere in tutto ciò che fai,
E che proverai sempre anche a fare ciò in cui credi.
Che continuerai ad essere una persona tremendamente vera
Anche quando il mondo ti sembra tremendamente finto,
pur sapendo che questo continuo tormento è il prezzo da pagare.
Che non ti accontenterai,
Che continuerai a cercare,
a vedere coi tuoi occhi,
a pensare con la tua testa.

Ad ascoltare il tuo cuore, la luce che fa.
Lo so che fa male. Lo so.
Ma ti prego: è così bella quella luce!

Catherine Black

Buona settimana 🌷

Sensazioni

Una strega sente tutto
in modo forte e profondo,
in modo circolare…

Cammina da sola,
ma sempre in unità con i mondi.
Sente ciò che la circonda e delle volte tace…
perché tante parole le scorrono dentro senza fine.

Sa che deve usarle al momento giusto,
lei ne conosce il loro peso:
non ama interferire negli eventi,
anche se questo le comporta molta dolore.

Conosce quanto male fa quel silenzio,
ma lo accetta, perché lei ama e rispetta chi la circonda.
È per questo che la strega sceglie la solitudine, sa che nella notte potrà parlare liberamente con se stessa e con gli spiriti,
è lì che riposa, nel suo cuore.

Con la Luna viaggia nell’astrale,
dove il tempo non esiste,
e la vastità delle memorie non hanno fine…

Carla Babudri

Unicorni, Fate, Angeli ed Esseri di Luce

Oggi desidero parlarvi di queste creature eteriche alle quali, purtroppo, in molti non credono, considerandole pure fantasie. So che è difficile scardinare certe convinzioni e abbandonare una mentalità prettamente prosaica, ma mi rattrista sempre constatare certi pregiudizi.
Non si tratta di favole per bambini, anzi, la verità è che spesso le favole le raccontano agli adulti, e con ottimi risultati oserei dire, distorcendo completamente la visione di quella che è la realtà, e inducendo le persone a vivere come criceti che devono far girare la ruota continuamente. E se non riusciamo a concepire l’idea di altre dimensioni, di altre verità, di altre possibilità, probabilmente è perché siamo talmente invischiati nella “matrix” e nelle false credenze, che ammettere qualcosa di diverso risulta praticamente impossibile.

Quando si intraprende un percorso spirituale, la prima cosa che succede, oltre a un momento di profonda crisi, è rendersi conto dei giochi a cui si è stati sottoposti, in maniera del tutto inconsapevole. E questi giochi, queste “favole”, queste bugie sono create proprio con lo scopo di distrarci dal nostre vero Sé, e tenerci focalizzati su preoccupazioni effimere, di bassa energia. Più siamo distratti e più rimaniamo inconsapevoli, e più siamo inconsapevoli, più è facile manipolarci. Più ignoriamo chi siamo, e più è possibile farci credere (e fare) qualunque cosa.

Il risveglio porta con sé l’acquisizione di un certo spirito critico: impari a vedere le cose per come sono, e non come sembrano, impari a discernere le bugie dalla verità, e impari a essere libero, padrone della tua vita. Il che non significa che tutto magicamente inizia ad incastrarsi alla perfezione, perché è un processo per nulla indolore, né semplice, ma impari a usare i tuoi sensi per vedere e sentire realmente cosa c’è intorno a te, senza più filtri ingannatori.
Avete presente l’immagine del monaco che, meditando, inizia a levitare sollevandosi da terra? A prescindere dall’effettiva possibilità di compiere una simile azione sul piano fisico, il senso di quella levitazione è proprio il distacco totale dalla materialità e l’ascensione verso una consapevolezza più profonda ed elevata. E’ il raggiungimento di altre dimensioni, popolate da esseri puri ed eterei, che emanano saggezza e amore incondizionato.

Continua a leggere “Unicorni, Fate, Angeli ed Esseri di Luce”

Il riflesso di ciò che succede

Se c’è una cosa che ho capito è che tutto ciò che ci capita ha a che fare con noi, anche se in modo diverso. Tutto ciò che viviamo si riallaccia a qualcosa di noi, e se i traumi possono attirare gente pronta a prevaricarci o ferirci, un sano amore e rispetto per te stesso avvicinano invece a persone equilibrate e gentili.

Nella mia vita riscontro entrambe le tipologie, e io sto lavorando molto su di me per capire bene cosa effettivamente sto emanando. Forse tollero cose che non dovrei accettare più, o forse ho delle ombre che mi boicottano e mi portano a scontrarmi con atteggiamenti minacciosi, invasivi e violenti.. Come se dovessi reagire a tutti i costi. Ma reagire a cosa?
Se qualcuno gioca sulle mie debolezze, è giusto che io mi arrabbi e non tolleri più certi atteggiamenti, ponendo anche delle distanze con quella persona, tuttavia non posso sentirmi vittima di quel comportamento, perché mette semplicemente in luce qualcosa che già ho dentro di me: delle debolezze su cui lavorare, appunto.

Con questo, non voglio certo giustificare i carnefici, o i comportamenti irrispettosi, manipolatori e nocivi a cui possiamo incorrere: siamo responsabili di ciò che ci capita, ma non colpevoli.
Se ad esempio attiriamo una persona narcisista, che cerca gratifiche all’esterno, che manipola, che fa ghosting per farci sentire a disagio e sottometterci al suo volere, significa semplicemente che noi per primi non ci amiamo, noi per primi dubitiamo del nostro valore e noi per primi penalizziamo la nostra autostima. Il narcisista percepisce la nostra bassa energia e sa che da parte nostra potrebbe ricevere nutrimento per il suo ego, perché non siamo abbastanza forti da proteggerci. Non appena impariamo a rispettarci e a volerci bene, non appena impariamo a riconoscere il nostro valore in modo sano e obiettivo, il narcisista esce dalla nostra vita, perché non ha più modo di attaccarsi alla nostra energia, e al suo posto subentra qualcuno di più centrato e più aperto emotivamente.

Continua a leggere “Il riflesso di ciò che succede”